Immune Plus 5 Kit

157.50

Integratori alimentari a base di minerali, vitamine, aminoacidi ed estratti vegetali, progettati per migliorare la funzione immunitaria e combattere la sarcopenia (perdita di massa, forza e funzione muscolare associata all’invecchiamento). È un kit nutrizionale unico che ti protegge dalle malattie causate da microrganismi.

Stressless: 2 (60 cps x 2) – 2 cps prima di colazione e 2 cps prima di cena
Lipovit: 1 (60 cps) – 2 cps prima di colazione
Alkaline: 1 (30 bustine) – 1 bustina in acqua a metà giornata
Amino Protein: 1 (30 bustine) – 1 bustina in acqua, integrata a colazione
Kollagen: 1 (30 bustine) – 1 bustina in acqua dopo cena

Numerosi studi approfondiscono il ruolo di specifici nutrienti e di integratori dietetici sulla funzionalità del sistema Immunitario, in una vasta gamma di soggetti umani, inclusi anziani, bambini ed adulti. Un introito ottimale di nutrienti, vitamine, antiossidanti e sostanze naturali in grado di ridurre lo stress e regolare lo stato metabolico genera un complessivo miglioramento della risposta di tipo specifico attivata dal sistema immunitario verso microrganismi patogeni

La ricerca e il know-how che contraddistinguono Cronos Diet ha permesso di sviluppare un kit unico, specificamente progettato per migliorare la funzione immunitaria e preservare la massa magra e muscolare.

Immune Plus 5 per migliorare la funzione immunitaria e arricchito con miscele di proteine e amminoacidi per la crescita e il mantenimento della massa muscolare e per contrastare la sarcopenia. Le cellule immunitarie sono direttamente proporzionali alla massa muscolare e stili di vita sedentari, invecchiamento e una dieta povera in proteine  possono portare all’atrofia muscolare con perdita dell’immunità e rilascio di ormoni catabolici.

Scarica la brochure del kit di prodotti Cronos Immune Plus 5

Svuota

COME DIFENDERSI dal CORONAVIRUS

In questi giorni siamo sommersi da messaggi di grande allarme sanitario che, nelle persone carenti di competenze specifiche, diventa essenzialmente paura.

La paura poi è origine di molti mali: diffidenze, divisioni, fughe, rinunce, reazioni emotive, contrasti, spese irrazionali e molto altro in base alle caratteristiche di ognuno di noi.
Alla fine, la paura della malattia può essa stessa creare malattia, perché crea tensione, stress e lo stress prolungato agisce sui punti deboli della persona: può far salire la pressione, può causare aritmie cardiache, disturbare il sonno e la digestione, scompensare un equilibrio precario, specie negli anziani o nei malati cronici e alla fine indebolisce il sistema immunitario. Proprio quello che in questo periodo non deve avvenire!

Nell’uomo, i comuni Coronavirus provocano infezioni respiratorie spesso di lieve entità come il raffreddore comune, ma in qualche caso possono causare polmoniti virali non gravi (i normali Coronavirus sono responsabili di circa il 20% di tutte le polmoniti virali), ma raramente possono causare anche una Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS).

In questo caso, la gravità della patologia dipende dal fatto che, se il virus è nuovo, il nostro sistema immunitario non lo conosce perché non è mai venuto a contatto con lui, non sa difendersi e subisce l’attacco che diventa particolarmente violento e pericoloso nei soggetti immunologicamente deboli o immunodepressi, specie gli anziani portatori di patologie croniche importanti o altri soggetti deboli a livello immunitario, cardiopolmonare, renale o metabolico.

Il reale e concreto rischio da infezione da CoVID-19 dipende dalle condizioni del sistema immunitario

Potenzialmente, a rischio possiamo essere tutti, perché ognuno di noi potrebbe trovarsi “momentaneamente” in una condizione di rischio “temporaneo” a causa di alcuni fattori squilibranti e indebolenti il sistema immunitario. Tra le principali cause di squilibrio ricordo essenzialmente:

  • stress psico-fisici molto intensi e prolungati, specie quelli che lasciano agitazione, rabbia, paura;
  • alimentazione fortemente alterata (“cibo spazzatura”);
  • alimentazione quantitativamente alterata (eccesso di zuccheri);
  • alimentazione nutrizionalmente alterata (povera cioè dei nutrienti essenziali di cui il nostro organismo ha assoluto bisogno per i suoi processi vitali: ossigeno, acqua, aminoacidi essenziali, acidi grassi essenziali, vitamine, minerali);
  • eccessiva scarsità di bevande, specie se avviene per un tempo prolungato;
  • eccessiva sedentarietà, specie se avviene per un tempo prolungato;
  • eccessiva riduzione del riposo notturno, specie se avviene per un tempo prolungato;
  • intossicazione esogena cronica (eccessivo consumo di droghe, alcolici, caffè, fumo, farmaci).

Se le condizioni immuno-squilibranti non sono state gravi, intense e troppo prolungate e se il soggetto è abbastanza robusto e non anziano, nell’80% dei casi l’infezione da CoDIV-19 si manifesterà in modo lieve e quindi basterà restare in isolamento/quarantena per circa 15-20 giorni.

 

Come impostare uno stile di vita capace di aumentare le nostre difese contro le patologie infettive in generale

La prima prevenzione deve mirare a tenere forte e ben funzionante il nostro sistema immunitario. Questo punto è fondamentale e lo si deve rispettare sempre e per la prevenzione di qualsiasi patologia, infettiva o non.

Quindi, la prima e più efficace prevenzione resta sempre quella di avere un corretto stile di vita!

Il nostro organismo è quasi sempre capace di superare l’attacco che gli viene mosso da qualsiasi virus, batterio, fungo o germe esistente o non ancora creato, purché noi lo manteniamo in buona salute e lo proteggiamo adeguatamente.

  • Ridurre al massimo gli zuccheri che creano insulino-resistenza ed alterazione della funzionalità del sistema immunitario
  • Aumentare al massimo i cibi vegetali, specie verdura fresca
  • Bere circa 2 litri di acqua al giorno, meglio se debolmente alcalina
  • Fare il possibile per normalizzare il proprio peso corporeo, mangiando quantitativamente meno se si è in eccesso ponderale, e masticare bene i bocconi allo scopo di facilitare e velocizzare la digestione.
  • Fare ogni giorno un po’ di attività fisica
  • Dormire un minimo di 7 ore (meglio 8) al giorno
  • Abolire immediatamente o gradualmente i propri vizi (fumo, caffè, alcolici, droghe, farmaci inutili, ma anche l’uso eccessivo o immotivato di cellulare, computer, televisione; abolendo pure dipendenze e/o comportamenti scorretti sotto qualsiasi punto di vista).
  • Assumere probiotici, qualche integratore o nutraceutico in base alle proprie carenze nutrizionali, specie dei nutrienti essenziali per il nostro organismo (carenze che oggi sono sempre più frequenti a causa dell’inquinamento dell’ambiente e della catena alimentare) (i più importanti integratori ad azione antivirale sono le vitamine A, C, D
  • Fuggire i conflitti e, più in generale, tutte le occasioni di stress

 

Come aumentare le nostre difese antivirali nei periodi più critici trovandoci in una condizione ad alto rischio

Impegnarsi a introdurre un una dieta senza zuccheri o con pochi zuccheri, con  pochi grassi di qualità, monoinsaturi (olio di oliva) ed MCT (olio di cocco), normoproteica con aminoacidi e proteine di alta qualità come quella del collagene per tutelare la massa magra

  • Bere tisane depurative e disintossicanti
  • Tenere bassi i livelli di stress e cortisolo con piante adattogene come Ashwagandha e Bacopa Monnieri in quanto il sistema immunitario è fortemente influenzato dal nostro sistema nervoso centrale (e quindi dagli stress psico-fisici).
  • Assumere vitamina D, C, K ed A
  • Vitamina D: la carenza di vitamina D (che oggi è estremamente comune) è associata ad un aumentato rischio di infezione respiratoria acuta virale e le metanalisi di studi clinici sulla supplementazione di vitamina D per la prevenzione delle infezioni virali ha dimostrato effetti protettivi (23, 24); infatti la vitamina D svolge innumerevoli effetti immunostimolanti, ma per avere un effetto rapido bisogna usare elevate dosi quotidiane, come ad esempio 4.000 UI/die per almeno tre mesi (in casi di emergenza si possono prendere anche 10.000 UI/die per 7 giorni) e poi 4.000 UI/die; va ricordato che durante queste assunzioni di vitamina D è necessario bere circa 2 litri di acqua al giorno.
  • Vitamina C: almeno 1 grammo, Durante le infezioni e lo stress diminuisce rapidamente nel nostro organismo la concentrazione di vitamina C. Una sua adeguata integrazione si traduce in un miglioramento dei componenti del sistema immunitario con aumento delle attività antimicrobiche e naturali delle cellule killer, la proliferazione dei linfociti, la chemiotassi e l’ipersensibilità di tipo ritardato.
  • Vitamina A: la sua carenza compromette sia l’immunità innata perché riduce la funzionalità di neutrofili, macrofagi e linfociti Natural Killer, sia l’immunità acquisita dato che svolge un ruolo importante nello sviluppo dei linfociti Th1, Th2 e B.
  • Assumere ogni giorno un Integratore Alcalinizzante dato che in acidosi i nostri enzimi non svolgono bene il loro lavoro e quindi siamo più soggetti a infiammazione e malattie.
  • Tutelare la massa magra che è coinvolta in tutti i processi metabolici e nei meccanismi immunitari con proteine di alta qualità, collagene, aminoacidi ed attività fisica quotidiana

Ci sono numerosi studi sulla correlazione tra nutrizione e risposta  immunitaria, in particolare sull’immunità acquisita, ovvero le risposte di tipo specifico attivate dal sistema immunitario verso i microrganismi patogeni

La ricerca e il know-how che contraddistinguono Cronos Diet ha permesso di sviluppare un kit unico, specificamente progettato per migliorare la funzione immunitaria e preservare la massa magra e muscolare.

 

Immune Plus 5

che ti difende dai microrganismi patogeni. Specificamente progettato per migliorare la funzione immunitaria e arricchito con miscele di proteine e amminoacidi per la crescita e il mantenimento della massa muscolare e pe arricchito con miscele di proteine e amminoacidi per la crescita e il mantenimento della massa muscolare e per contrastare la sarcopenia.

Formulato con i migliori integratori e nutrienti sul mercato tra cui :

  • Vitamine D, A, K, C
  • Piante che riducono lo stressa
  • Sali Alcalinizzanti
  • Sostanze naturali con azione antiossidante
  • Collagene for tutelare l’integrità della massa magra
  • Proteine e aminoacidi

Scarica la brochure del kit di prodotti Cronos Immune Plus 5

 

Bibliografia

Shi, H., Han, X., Jiang, N., Cao, Y., Alwalid, O., Gu, J., … & Zheng, C. (2020). Radiological findings from 81 patients with COVID-19 pneumonia in Wuhan, China: a descriptive study. The Lancet Infectious Diseases.

Chen, N., Zhou, M., Dong, X., Qu, J., Gong, F., Han, Y., … & Yu, T. (2020). Epidemiological and clinical characteristics of 99 cases of 2019 novel coronavirus pneumonia in Wuhan, China: a descriptive study. The Lancet395(10223), 507-513.

Jefferson, T., Del Mar, C. B., Dooley, L., Ferroni, E., Al‐Ansary, L. A., Bawazeer, G. A., … & Conly, J. M. (2011). Physical interventions to interrupt or reduce the spread of respiratory viruses. Cochrane database of systematic reviews, (7).

Solon-Biet, S. M., McMahon, A. C., Ballard, J. W. O., Ruohonen, K., Wu, L. E., Cogger, V. C., … & Gokarn, R. (2014). The ratio of macronutrients, not caloric intake, dictates cardiometabolic health, aging, and longevity in ad libitum-fed mice. Cell metabolism19(3), 418-430.

Mattson, M. P., Allison, D. B., Fontana, L., Harvie, M., Longo, V. D., Malaisse, W. J., … & Seyfried, T. N. (2014). Meal frequency and timing in health and disease. Proceedings of the National Academy of Sciences111(47), 16647-16653.

Carr, A. C., & Maggini, S. (2017). Vitamin C and immune function. Nutrients9(11), 1211.

Stephensen, C. B. (2001). Vitamin A, infection, and immune function. Annual review of nutrition21(1), 167-192.

Bergman, P., Lindh, Å. U., Björkhem-Bergman, L., & Lindh, J. D. (2013). Vitamin D and respiratory tract infections: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. PloS one8(6).

Martineau, A. R., Jolliffe, D. A., Hooper, R. L., Greenberg, L., Aloia, J. F., Bergman, P., … & Goodall, E. C. (2017). Vitamin D supplementation to prevent acute respiratory tract infections: systematic review and meta-analysis of individual participant data. bmj356, i6583.

Lehtoranta, L., Pitkäranta, A., & Korpela, R. (2014). Probiotics in respiratory virus infections. European journal of clinical microbiology & infectious diseases33(8), 1289-1302.

Heijne, J. C., Teunis, P., Morroy, G., Wijkmans, C., Oostveen, S., Duizer, E., … & Wallinga, J. (2009). Enhanced hygiene measures and norovirus transmission during an outbreak. Emerging infectious diseases15(1), 24.

3 Evans, S. S., Repasky, E. A., & Fisher, D. T. (2015). Fever and the thermal regulation of immunity: the immune system feels the heat. Nature Reviews Immunology15(6), 335-349.

Mora, J. R., Iwata, M., & Von Andrian, U. H. (2008). Vitamin effects on the immune system: vitamins A and D take centre stage. Nature Reviews Immunology8 (9), 685-698.

Wang, L. S., Wang, Y. R., Ye, D. W., & Liu, Q. Q. (2020). A review of the 2019 Novel Coronavirus (COVID-19) based on current evidence. International Journal of Antimicrobial Agents, 105948.

Huang, Z., Liu, Y., Qi, G., Brand, D., & Zheng, S. G. (2018). Role of vitamin A in the immune system. Journal of clinical medicine, 7(9), 258.

Shea, M. K., et al. (2008). Vitamin K and vitamin D status: associations with inflammatory markers in the Framingham Offspring Study. American journal of epidemiology, 167(3), 313-320.

Marketon, J. I. W., & Glaser, R. (2008). Stress hormones and immune function. Cellular immunology, 252(1-2), 16-26.

Estaki, M., DeCoffe, D., & Gibson, D. L. (2014). Interplay between intestinal alkaline phosphatase, diet, gut microbes and immunity. World Journal of Gastroenterology: WJG, 20(42), 15650.

Mariani, E., et al. (1999). Vitamin D, thyroid hormones and muscle mass influence natural killer (NK) innate immunity in healthy nonagenarians and centenarians. Clinical & Experimental Immunology116(1), 19-27.

Sapore

Cocoa, Vanilla

COD: N/A Categoria:
Updating…
  • Nessun prodotto nel carrello.